Pubblicato in: Alimenti

Tutte le differenze tra la bottarga di muggine e quella di tonno

di marta 26 ottobre 2009
Tutte le differenze tra la bottarga di muggine e quella di tonno
6 votes, 3.50 avg. rating (70% score)

Bottarga1

Uno degli alimenti pregiati che da qualche tempo fa sempre più capolino sulle tavole di molti italiani è sicuramente la bottarga. Ricavata dalle uova di muggine o di tonno essiccate, la bottarga viene prodotta solo in alcune zone dell’Italia: in Sardegna (Carloforte, Cabras, Alghero e Stintino), in Toscana (Orbetello nella Maremma grossetana), in Sicilia (Marzamemi, Favignana e Trapani) e in Calabria.

Conosciuta fin dall’antichità, la bottarga è stata apprezzata da cuochi importanti, come Bartolomeo Scappi, considerato il Michelangelo della cucina, che la proponeva anche a Pio V. Fino agli anni ’70 però è rimasto un alimento d’elite, troppo costoso per le persone comuni.  Anche se tradizionalmente la bottarga è il pasto dei pescatori quando passano le giornata al mare e quella di tonno, come per altro le altre interiora del pesce, spettano di diritto ai “tonnarotti“, i pescatori delle tonnare.

Per ottenere la bottarga di muggine o di tonnoviene estratta dal pesce femmina la sacca ovarica facendo molta attenzione a non romperla. Dopo essere stata lavata per eliminare tutte le impurità viene sottoposta a salatura, con sale marino, pressatura e stagionatura. Le sacche vengono fatte sgocciolare su un piano inclinato e sottoposte ad una leggera pressione per far perdere loro il liquido. Fatto questo vengono fatte asciugare all’aria per qualche giorno e stagionare in un luogo asciutto e ventilato per almeno 60-90 giorni.  La bottarga si trova in commercio sottoforma di baffe intere (le sacche ovariche integre), più costose, oppure in polvere.

Ma che differenza c’è tra la bottarga di muggine e la bottarga di tonno?

BOTTARGA DI MUGGINE

  • E’ la più pregiata e costosa delle due ed è caratterizzata da un colore che va dall’oro all’ambra a seconda della stagionatura e dalla parte di placenta che rimane attaccata al tratto iniziale della baffa. In Sardegna proprio per il suo particolare colore, ma anche per la sua incredibile qualità, viene chiamata L’oro della Sardegna
  • La stagione della lavorazione della bottarga di muggine è a settembre.
  • La bottarga di muggine conserva la forma della sacca ovarica del pesce ed ha un sapore deciso ma allo stesso tempo delicato, con un retrogusto amarognolo, quasi di mandorla
  • Per essere di qualità la bottarga di muggine deve essere di colore uniforme senza macchie e compatta al taglio, con la rivestimento della sacca ovarica ben aderente alla massa essiccata delle uova.

BOTTARGA DI TONNO

  • E’ la meno pregiata dei due tipi di bottarga ed il suo colore più scuro. La consistenza deve essere compatta ed il colore uniforme
  • Il periodo di produzione della bottarga di tonno di solito è successivo alla mattanza e quindi verso maggio.
  • La bottarga di tonno presenta una forma simile a quella di un parallelepipedo. Forma conferita dalla essiccatura che viene fatta tra robuste presse.
  • Il suo sapore è nettamente più forte e marcato di quello della bottarga di muggine

La prossima volta vi suggerisco anche qualche ricetta per la bottarga!

Sullo stesso argomento potresti leggere:

  • Come cucinare la bottargaCome cucinare la bottarga (0)
    Dopo avervi spiegato come viene prodotta la bottarga e quali sono le differenze tra i due tipi di bottarga (quella di muggine e quella di […]
  • Cose buone dal mondoCose buone dal mondo (2)
    Per chi ama provare gusti nuovi e vuole mettersi alla prova, il sito online del Times ha stilato una classifica con i dieci piatti più […]
  • La ciliegia, frutto della saluteLa ciliegia, frutto della salute (2)
    Sono buonissime, dolci e succose e non c’è frase che meglio le identifichi come ‘una tira l’altra’. Naturalmente sono le ciliegie. […]
Tutte le differenze tra la bottarga di muggine e quella di tonno
6 votes, 3.50 avg. rating (70% score)

7 risposte a “Tutte le differenze tra la bottarga di muggine e quella di tonno”

  1. Goel Cohen ha detto:

    Hi,

    I make bottarga di muggine in Paris, I want to find clients, if you are interessed,
    send me a mail

    thanks

    Goel Cohen

  2. francesco ha detto:

    Non concordo con il passaggio che “….la bottarga di muggine è la più pregiata….”. La vera bottarga…la regina delle bottarghe è quella di Tonno dal gusto morbido, profondo, profumato!!!! poi vengono le altre, quella di Cernia, di Pescespada,di muggine…ecc…..Saluti.

  3. meg ha detto:

    sono d’accordo con francesco, la bottarga di tonno è molto più pregiata ed anche il prezzo lo è: 210€ al Kg riepstto a quella di muggine “solo” 150€

  4. Donatella ha detto:

    Domanda: dopo aver aperto un vasetto di bottarga grattugiata, per quanto tempo la posso conservare in frigo?

  5. Salvatore ha detto:

    la bottariga di muggine non solo e più pregiata e delicata di gusto ma e ricchissima di omega 3 e squalene da poco tempo e uscito un articolo sul Woscinton Post dove si afferma che la bottariga di muggine qualitativamente e migliore del Caviale per la sua delicatezza per il profumo e bonta nel mangiarla .

  6. Steff ha detto:

    La differenza di prezzo è data dalla rarità dell’animale. Quella di muggine è la migliore sia di intensità di sapore che di proprietà. I tonni, e devono essere pinna blu perchè sia pregiata, vanno pescati ad uno ad uno durante la tonnara mentre i muggini vengono tirati su a centinaia con le bilance. Se è di tonno ma fatta con i pinna gialla per esempio vale due soldi. La bottarga di muggine batte qualitativamente il miglior caviale. La bottarga di tonno arriva a costare massimo 150 euro/kg mentre alcune bottarghe di muggine ne possono costare anche 300 euro/kg, dipende dalla stagionatura.

    • Anonimo ha detto:

      Il prezzo perdonate ma è solo frutto di speculazione. La bottarga di muggine a Cabras si trova a 70 euro kilo tranquillamente.
      Ormai la bottarga di Muggine è richiestissima e la produzione non puo assolutamente soddisfare la richiesta.
      Molta della produzione infatti è mischiata con altro o con uova di importazione.